Shamans against the warlords

Personal foreword: I feel the need to translate and share with you all my dear readers this message I received from the Shaman and Italian Medicine Woman Michela Chiarelli. Whether you believe it or not this is truth and I do hope it gets to your hearts the way it stroke directly through mine. When Michela first sent me this file, I cried and she said: ok, will this make you pray more? … I said yes. And before you read her words I want to talk to you about praying because unlike what we all believe it has little to do with religion or religious beliefs. To pray is, to me, to connect with something bigger and above me… you call that God? Allah? I call unto Her. Humanity is finally waking up again to the fact that we live in a multidimensional world and that our senses are limited for we don’t see nor hear above or below certain frequencies. Who lives there? What lives there? Others… Others who have the ability to interfere with our world and ultimately to interfere with us. Some of these Others feed off of our negative feelings and thoughts (which ultimately is just energy – and energy is life source…. for some is light for others is darkness). Around the world today Shamans are undergoing a battle against invisible forces… we, not shamans, everyone, anyone, need to help them. We all can make a difference! 

Shamans against the warlords

These days I'm really worried about the world indifference towards the death produced by the dozens of conflicts that happen in the world.

I don't think there is not enough information.

Some are falsehoods it's true.  

It is some time now that I suggest working with compassion, learning to be with oneself must be useful to be able to help others.

We are shown a terrible world in which we continually live, posts, newscasts, radio, etc., etc.

But there is also so much beauty out there. There are good people, there are children, there are brave women.

I and a friend of mine a Tunguso Shaman, we pray together with the Sacred circle of great mothers and during a hard work to help the Kurdish people I was involved in a horrible battle.

I carry very invalidating signs and I feel severe pain in my whole body.
The most atrocious experience I have ever experienced and not that this hasn't already happened. If we were more to pray, it could really make a difference.

There are many good souls who pray, who know how to recognize the value of life in all creatures and, there are so many dark bodies that do not give value to life, they feed on the darkness that we carry within our hearts and I speak of the envy, of the sense of revenge, true wickedness, the inexistent ability to tolerate others.

These dark beings feed on us every day in every moment.

At this moment trying to hinder them by myself is practically impossible, so I ask you to read these words carefully as I don't know when and if you will find them again.

The world needs to recognize beauty.

That you recognize beauty everywhere.

The world needs you to think that everyone has the right to have a wonderful life.

To create a new era of peace, thoughts of peace are needed.

To create a kingdom of light, brotherhood and love, we must live them manifest them at every moment otherwise it is useless ...

If we all believe that it is possible then it will be possible.

The Dark Lords of War exist, they are everywhere.
They distort the field of our minds, our thoughts and our desires so that we can only desire useless things or produce frustrated and sad thoughts.

We are sick and worried and angry, we against our other brothers ...

We are worried about illnesses, bills, salaries ... etc

We are like already dead batteries.

The warlords use our thoughts.

They are our forms, because then we feed them with our frustration and create eggregores.

4 or 5 people in the world have power and money, and have the ability to govern 7 billion people manipulating us through false desires, making us forget who we are.

The legend of death represents it ...

When a story is told, the mind of those who are listening to it is infected, which in turn tells the same story and spreads the contagion: if the story is powerful, this contagion can last even thousands of years.

As has happened with this legend, an ancient and universal history, since it speaks of death.

The first appearance of this story is found in the Talmud, which is one of the sacred texts of Judaism and is known in two versions: that of Jerusalem and that of Babylon.
The 53rd sukkah of the Babylonian Talmud is a parable that tells of how King Solomon one day realized that the Angel of Death was sad. "Why are you so sad?" He asked. "Because they ordered me to take those two Ethiopians," replies the Angel of Death, referring to Elihoreph and Ahyah, the two Ethiopian scribes of Solomon. The King wanted to save his precious men and made them escape to the city of Luz, but as soon as they arrived there the two scribes died. The next day Solomon met the Angel of Death again and saw that he was smiling. "Why are you so happy?" He asked. "You sent the two Ethiopians to the place where I was expecting them!" Replied Death. To which Solomon expressed the moral of the parable: "The feet of a man are responsible for him: they take him to the place where he is expected." , not from their feet.

The seed is launched: various versions of this parable will ignite the creativity of authors to the present day.

Our desires are not ours, our dreams, they are not us.

If we want things or objects but we do not do anything useful to others, we shoot against anyone who does something different and we are manipulated we are not free in any way.

To make you feel even worse, sinister and manipulative journalists write articles like: We have blood on our hands because we sold weapons to the Kurds or to Syria.

I have not seen even one euro of those weapons that the state was able to sell and made a personal capital of it, plus it did nothing with that money for the Italian people, so the Italian people by themselves are not to be blamed for anything.

Let's talk to the neighbour.

Stop envying that person because they are more beautiful, toned or intelligent.

Let's play with our children.

Go to the sea or to the mountains.
Let's stop to observe the beauty.

Sign petitions ...

Go down to the square.

Let's sit in meditation

We pray wherever we believe it works.

Light candles.

Think strong of light.

Visualise it.

Call upon the Archangels.

Summon ascended Masters so that there is more and more evolution.

So that everyone gets Light and Peace.

Bring these principles into our daily life.

Michela Chiarelli © ️



Sciamani contro i signori della guerra  

In questi giorni sono davvero preoccupata per il menefreghismo mondiale verso la morte prodotta dalle decine di conflitti che succedono nel mondo.

Non credo non ci siano informazioni sufficienti.

Alcune sono falsità è vero.

E' un po' che suggerisco di lavorare con la compassione, imparare a stare con se stessi deve essere utile per poter essere d'aiuto anche agli altri.

Ci viene mostrato un mondo tremendo nel quale conviviamo in continuazione, post, telegiornali, radio ecc, ecc.

Ma c'è anche tanta bellezza là  fuori. Ci sono persone buone, ci sono bambini, ci sono donne coraggiose.

Io e un mio amico Sciamano Tunguso, preghiamo insieme al cerchio Sacro delle grandi madri e durante un lavoro forte per aiutare il popolo Curdo io sono rimasta coinvolta in una battaglia orribile.

Riporto segni molto invalidanti e provo forte dolore a tutto il corpo.

L'esperienza più atroce che io abbia mai sperimentato e non che questo non sia già successo. Se fossimo di più a pregare potrebbe davvero fare la differenza.

Ci sono molte anime buone che pregano, che sanno riconoscere il valore della vita in tutte le creature e, ci sono tanti corpi oscuri che non danno valore alla vita si nutrono dell'oscurità che portiamo dentro i nostri cuori e parlo delle invidie del senso di rivalsa, vera cattiveria, la capacità di tollerare il prossimo pari a zero.

Questi esseri oscuri si nutrono di noi ogni giorno in ogni attimo.

In questo momento cercare di ostacolarli da sola è praticamente impossibile per questo vi chiedo leggete attentamente queste parole non so quando e se ne troverete ancora.

Il mondo ha bisogno di riconoscere bellezza.

Che riconosciate la bellezza ovunque.

Il mondo ha bisogno che pensiate che tutti hanno il diritto di avere una vita meravigliosa.

Per creare una nuova era di pace servono pensieri di pace.

Per creare un regno di luce, di fratellanze e amore dobbiamo viverli manifestarli in ogni istante altrimenti non serve a niente...

Se tutti crederemo che è possibile allora sarà possibile.

I Signori  oscuri della Guerra esistono, sono ovunque

Distorcono il campo delle nostre menti, dei nostri pensieri e dei nostri desideri così da spingerci a desiderare solo cose inutili o a produrre pensieri frustrati e  tristi.

Noi malati e preoccupati arrabbiati, noi contro gli altri nostri fratelli...

Noi preoccupati per le malattie, le bollette, gli stipendi... ecc

Siamo come pile già scariche.

I signori della guerra usano i nostri pensieri.

Sono le nostre forme, perché poi le nutriamo con la nostra frustrazione e creiamo eggregori.

In 4 o 5 persone al mondo  posseggono potere, denaro e hanno la possibilità di governare 7 miliardi di persone manipolandoci attraverso falsi desideri, facendoci dimenticare chi siamo.

La leggenda della morte lo rappresenta...

Quando si racconta una storia si  contagia la mente di chi ci sta ascoltando, il quale raccontando a sua volta la stessa storia diffonderà il contagio: se la storia è potente, questo contagio può durare anche millenni. 

Come è accaduto con questa leggenda, una storia  antica e universale, visto che parla di morte.

La prima apparizione di questa storia la troviamo nel Talmud , che è uno dei testi sacri dell’ebraismo ed è conosciuto in due versioni: quella di Gerusalemme e quella babilonese.

La 53ª sukkah del Talmud Babilonese è una parabola che racconta di come un giorno Re Salomone si accorse che l’Angelo della Morte era triste. «Perché sei così triste?» gli chiese. «Perché mi hanno ordinato di prendere quei due Etiopi», risponde l’Angelo della Morte, riferendosi a Elihoreph e Ahyah, i due scribi etiopi di Salomone. Il Re volle salvare i suoi preziosi uomini e li fece scappare fino alla città di Luz, ma appena giunti qui i due scribi morirono. Il giorno seguente Salomone incontrò di nuovo l’Angelo della Morte e vide che sorrideva. «Perché sei così felice?» gli chiese. «Hai mandato i due etiopi proprio nel posto in cui li aspettavo!» risposte la Morte.  Al che Salomone espresse la morale della parabola: «I piedi di un uomo sono responsabili per lui: essi lo portano nel luogo dove egli è atteso.» Suona strana come morale, visto che in realtà i due poveri scribi vennero mandati da Salomone a morire, non dai loro piedi.

Il seme è lanciato: varie versioni di questa parabola infiammeranno la creatività di autori fino ai giorni nostri.

I nostri desideri non sono nostri i nostri sogni, non sono noi.

Se desideriamo cose o oggetti non facciamo niente di utile verso il prossimo, spariamo contro chiunque faccia qualcosa di diverso e siamo manipolati non siamo liberi in niente.

Per farvi sentire ancora peggio giornalisti biechi e manipolatori scrivono articoli tipo: Abbiamo le mani sporche di sangue perché abbiamo venduto armi ai curdi o alla Siria.

Io non ho visto nemmeno un'euro di quelle armi lo stato che ha potuto vendere quelle armi e ne ha fatto un capitale personale, non ha fatto niente con quei soldi per il popolo italiano, quindi il popolo italiano di per sé non ha colpa di nulla.

Parliamo col vicino.

Smettiamo di invidiare quella persona perché più bella, tonica o intelligente.

Giochiamo coi nostri figli.

Andiamo al mare o in montagna.
Fermiamoci ad osservare la bellezza.

Firmiamo petizioni...

Scendiamo in piazza.

Sediamoci in meditazione

Preghiamo ovunque crediamo che funzioni.

Accendiamo candele.

Pensiamo forti alla luce.

Visualizziamola.

Chiamiamo gli Arcangeli.

Convochiamo i Maestri ascesi affinché ci sia sempre più evoluzione.

Affinché tutti ottengano Luce e Pace.

Portiamo tali principi nella nostra vita quotidiana.

Michela Chiarelli ©️